Archivio per Categoria People

Bando di selezione per il Contamination lab “BaLab”

“Il Bando del BaLab ‘diffuso’ è la novità di questo anno, che vede il coinvolgimento delle città di Bari, Barletta e Taranto, i tre capisaldi territoriali per il legame che queste città già hanno con la nostra Università. Abbiamo dato avvio a questi laboratori di creatività giovanile e vorremmo reclutare i giovani innovatori in qualunque campo loro vogliano, e sulla scia della prima esperienza del BaLab, candidarli a diventare imprese mature…. Vorremmo selezionare, formare, avviare all’imprenditorialità in modo che essi stessi possano consolidare la loro esperienza e diventare i tesimonial del BaLab dell’Università di Bari nelle diverse aree territoriali” ha affermato il Rettore Uricchio.

La call, che prevede un percorso di contaminazione di idee innovative, è rivolta a tutti i giovani studenti universitari, dottorandi, ricercatori, startupper nati e/o residenti in Puglia o domiciliati in Puglia (perché studenti, impiegati, immigrati o rifugiati), che abbiano dai 18 ai 35 anni. Essi potranno presentare la propria idea imprenditoriale innovativa entro il 15 febbraio 2018.

L’obiettivo del BaLab sarà quello di trasformare ‘sogni individuali in progetti condivisi’. Gli ambiti di interesse sono: Food, agricoltura e economia circolare; Beni culturali, paesaggio e turismo; Rigenerazione urbana, hosuing, edilizia sostenibile e sicurezza; Smart cities and communities; Transizione energetica, mobilità sostenibile e tutela ambientale; Welfare, job skills e Innovazione Sociale; Life sciences e qualità della vita; Editoria, media e smart education; Economia collaborativa e finanza; Arte, Design e Comunicazione.

“La novità è proprio la proiezione del BaLab nei territori per incontrare i creativi e le loro idee; questa azione è necessaria in quanto bisogna connettere i desideri dei ragazzi con i bisogni dei territori” ha affermato Gianluigi De Gennaro. E prosegue: “Oltre il consolidamento su Bari, il BaLab si sperimenta su Barletta e Taranto e proseguirà in altri Comuni pugliesi; le Città hanno bisogno delle idee dei giovani per promuovere il confronto delle loro idee che profumano di futuro”.

La visione di un BaLab ’diffuso’ a Bari, Barletta e Taranto, e il contributo al Progetto delle Confindustria territoriali è la dimostrazione di quanto l’interconnessione tra mondo della ricerca, innovazione e bisogni delle comunità locali sia strategica per lo sviluppo delle potenzialità imprenditoriali innovative.

 

L’Università individua in questo Bando il miglior modo di far sviluppare le culture dei territori valorizzando il protagonismo dei giovani che restano perché responsabilizzati a costruire il futuro che vogliono.

Per informazioni e candidature: http://www.uniba.it/notizieuniba/2018/bando-idee-imprenditoriali-innovative-contamination-lab-balab

Il BaLab incanta la ministra Giannini

“Realtà che non ha niente da invidiare ai campus americani”

 

Avrebbe dovuto essere ospitata nelle aule dell’Ateneo barese, ha scelto di rimanere nello spazio incubatore di idee, attratta dal fermento creativo delle menti dei giovani. La ministra dell’Istruzione, dell’Università e della ricerca, Stefania Giannini è rimasta affascinata dalle idee progettuali dei ragazzi del BaLab e dalle loro innovazioni realizzate.

Accompagnata dal rettore Antonio Felice Uricchio la ministra ha indossato gli occhiali in 3D per un tour nella realtà virtuale, ha conosciuto i volti e le storie di chi si è messo in gioco e ha investito nel futuro, grazie al corso di startup organizzato dall’Ateneo.

Tangibile la felicità e l’entusiasmo dei ragazzi che hanno potuto illustrare i propri progetti e spiegarne le potenzialità. La ministra Giannini non ha velato la sua soddisfazione e oltre ad elogiare il gruppo ha messo a disposizione suggerimenti e contatti con realtà imprenditoriali.

 

http://video.repubblica.it/edizione/bari/dinosauro-robot-e-occhiali-3d-a-bari-il-tour-virtuale-della-ministra-giannini/258887/259187

Le persone al centro

Il BaLab è un luogo antropocentrico dove le persone sono l’elemento più importante, perché sono le persone che fanno viaggiare le idee. Qui s’incontrano persone, si possono sviluppare idee e contaminare sogni. Alla prima call del BaLab, partito nel 2015, hanno risposto in 120 e furono selezionati 40 progetti: 12 di essi sono diventati belle realtà.
Target
BaLab è aperto a persone da 18 a 35 anni: diplomati, studenti universitari, ricercatori e dottorandi, dunque è un luogo di contaminazione non solo di competenze ed eseperienze ma anche generazionale. Novità di quest’anno sono i neet, coloro che non studiano né lavorano, per dare loro una opportunità.
Tutor
I tutor, di solito quattro, sono ragazzi con competenze diverse: psicologica, in progettazione, giuridica ed economica. Il tutor non dice cosa è giusto e cosa è sbagliato ma cerca di dare altri occhi con cui vedere la propria idea, e affianca chi deve realizzarla.
Mentori
I mentori sono imprenditori di successo o loro delegati che cercano di illuminare la strada per realizzare la propria idea d’impresa.
Alla prima call risposero in 120 e furono selezionati 40 progetti: 12 di essi sono diventati belle realtà.
Project manager
Annalisa Turi è la project manager del BaLab. In qualità di technology transfer, la sua mission è far incontrare la ricerca con le imprese.
NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!